,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

La Maddalena. Il Parco Giochi di Padule è di nuovo fruibile. Il tallio rilevato è prodotto dalla posidonia oceanica


Parco Giochi di Padule, inaugurazione del 26 maggio 2010

Parco Giochi di Padule, inaugurazione del 26 maggio 2010

Oggi 12 dicembre, al Parco Giochi di Padule è stata una bella giornata, e non solo dal punto di vista meteorologico. Lo è stata per il sindaco che lo ha riaperto, e per oltre un centinaio di bambini della Scuola Materna e delle Elementari che, spensierati e felici, vi hanno giocato per mezza mattinata con altalene, pizzicaioli e altri giochi adatti all’infanzia. Quel che fa rabbia è che tra oggi 12 dicembre 2013 e il 15 dicembre del 2012 quando fu chiuso, nel Parco Giochi di Padule non sia cambiato assolutamente niente. Praticabile e usufruibile dai bambini era oggi, praticabile e usufruibile dei bambini era allora. Solo che qualcuno mise il dubbio alla Procura della Repubblica che i riempimenti, a suo tempo effettuati, potessero essere arrivati da zone inquinate come quelle dell’ex Arsenale. I primi sommari carotaggi effettuati registrarono la presenza di tallio in quantità superiore alla norma, secondo i parametri previsti per zone praticate da bambini. Di qui l’invito prima e l’ingiunzione poi al sindaco Comiti ad emettere ordinanza di chiusura in attesa di ulteriori accertamenti. Per effettuare i quali (19 campionamenti più altri 3 a Maddalena e altri 4 a Caprera, in punti ‘vergine’ da comparare con quelli del Parco Giochi) e avere i risultati definitivi c’è voluto, appunto, un anno di chiusura e ci sono voluti 40.000 euro di spese. Sulla base dello studio geologico effettuato si è così scoperto ed appurato pochi giorni fa “che tutto quello che c’è qua, c’è anche  nelle nostre case, nelle nostre spiagge, nell’ambiente dove viviamo 24 su 24”, ha dichiarato il sindaco. “Sono sostanze che derivano dalla composizione dei nostri graniti, e, per quanto riguarda il tallio, è prodotto dalla posidonia oceanica e di altri tipi di alghe che nel loro deterioramento rilasciano questo tipo di elemento. Le altre sostanze sono presenti in maniera comune in tante altre zone della Maddalena e della stessa Gallura.  Quindi, è tutto secondo natura!”. Al Parco Giochi di Padule dunque, ha detto il sindaco, “non corre pericoli nessuno!”. Claudio Ronchi

Pubblicato da il 12 Dicembre 2013. Archiviato in News. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0.