,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

La Maddalena. Tollis: il comparto paga scelte e non scelte dell’Amministrazione Comunale

La Maddalena. Il presidente della Confcommercio: il comparto paga scelte e non scelte dell’Amministrazione Comunale.

“Anche quest’anno la nostra Città arriva alla stagione turistica con la solita improvvisazione”. A scriverlo al sindaco Comiti è Claudio Tollis, nella veste di presidente della Confcommercio della Costa, organizzazione di categoria che abbraccia i Comuni di La Maddalena, Palau, Santa Teresa Gallura e Arzachena. Tollis pone poi l’accento su alcune criticità del comparto commerciale il quale, a suo parere soffre delle “scelte, ma anche le non scelte” dell’Amministrazione Comunale che invece “devono venire contestualizzate se possibile in un programma armonico di sviluppo condiviso, che veda l’impresa come attore principale e non come semplice destinatario di vostre scelte estemporanee”. Critico è il presidente della Confcommercio sulla “pseudo rivoluzione delle aree di sosta, e di carico e scarico merci. Non è tollerabile – scrive – che vengano sacrificate 30/40 attività, per magari favorire poi chi non si sa, di certo non i commercianti del centro storico, con la giustificazione di creare delle isole pedonali, non è tollerabile che il carico e scarico merci sia posto davanti delle attività commerciali, decretandone la sicura mortificazione commerciale con le vetrine perennemente oscurate”. Tollis domanda poi al sindaco se gli “sembra credibile che solo una politica rivolta alle strutture della media e grande distribuzione sia la soluzione per il nostro tessuto commerciale. Noi crediamo di no – afferma – e la invitiamo a rivedere con urgenza queste scelte che cadono in un momento di particolare flessione delle presenze turistiche nel nostro Arcipelago”. La lettera di Claudio Tollis si conclude posando l’attenzione sulla struttura dell’ex arsenale, oggi in concessione alla Mita Resort. “Tutto doveva nelle migliori intenzioni essere il ‘volano’ il ‘perno”’ e così via per similitudini, della nostra riconversione turistica. Le note vicende giudiziarie hanno spento per il momento i facili entusiasmi con i quali era stata accolta la notizia della riapertura. Oggi, paradossalmente, non decollando il progetto nel suo insieme, ovvero portualità e cantieristica incluse, sono di fatto solo ‘concorrenti’ attrezzati ed agguerriti del nostro sistema imprenditoriale, con ricadute economiche sul nostro tessuto socio-economico veramente al disotto di ogni peggiore previsione”. (Sabato 4 giugno 2011)

Pubblicato da il 4 Giugno 2011. Archiviato in News. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0. Responses are currently closed, but you can trackback from your own site.