,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

La Maddalena. Iniziate le demolizioni: Ieri abbatture 3 case

 

demolizione punta della gatta wPer questa mattina alle 6:00 il Consiglio Comunale si era dato appuntamento di fronte al portone d’uscita di Mariscuola, dove le ruspe impiegate nelle demolizioni, ordinate alla Procura della Repubblica di Tempio, hanno trovato asilo per la notte, al riparo da eventuali sabotaggi. L’intenzione del Consiglio Comunale era quella di manifestare il proprio dissenso per le  demolizioni di immobili iniziate quasi all’alba di ieri, lunedì 31 marzo. Tre sono state le abitazioni rase al suolo ieri, una nella zona di Punta della Gatta, di proprietà della famiglia Are, una a Spalmatore di proprietà della famiglia Barbosa e una a Mongiardino di proprietà Careddu . La prima abitazione ridotta a un cumulo di macerie è stata quella di Punta della Gatta. Le operazioni sono iniziate poco prima delle 11:00, proprio nel momento in cui il sindaco Comiti tentava, come ultimo tentativo di guadagnare tempo, di mettersi in contatto coi procuratori della Repubblica, Domenico Fiordalisi o Riccardo Rossi. Mentre rapidamente la ruspa sfondava il tetto, divorava la cucina, la sala, il bagno, cresceva la commozione, la rabbia, il panico tra i presenti, in particolare tra coloro anch’essi destinatari dei provvedimenti giudiziari. I mezzi cingolati erano entrati a La Maddalena, col traghetto, alle sei del mattino, scortati dai carabinieri in assetto antisommossa, ai quali poi si sono aggiunti i poliziotti. È una ditta di Cagliari ad eseguire le disposizioni della Procura delle Repubblica di Tempio.E la giornata di oggi sarà ancora di macerie. Il procuratore della Repubblica ha ordinato l’esecuzione di ben 35 sentenze di abbattimento: già 3 case sono state abbattute ieri, per altre 7 costruzioni hanno provveduto gli stessi proprietari. Claudio Ronchi

Pubblicato da il 1 Aprile 2014. Archiviato in News. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0.