,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

La Maddalena. Marittimi Delcomar: “Enermar in posizione di vantaggio”

La Maddalena. Marittimi Delcomar: “Enermar in posizione di vantaggio”.

I 40 dipendenti della compagnia  di navigazione Delcomar, quelli che svolgono servizio sulla tratta La Maddalena-Palau, in una lettera inviata all’Amministrazione Comunale isolana confutano le argomentazioni esposte dalla compagnia privata concorrente. “Riguardo la diminuzione degli incassi da parte di Enermar nell’anno 2010 dovuta alla perdita delle corse diurne assegnate alla Delcomar bisogna ricordare – scrivono i dipendenti Delcomar  “che le corse in parola sono state  assegnate alla nostra Compagnia a seguito di un accordo tra la Delcomar e la Enermar stipulato il 01.06.2010 e ratificato dalla Regione Autonoma della Sardegna che, stante la Delibera della G.R. n. 38/51 del 06.08.2009, avrebbe dovuto assegnare alla Delcomar un numero di corse assai maggiore di quelle assegnate”. La EneRmar, scrivono i marittimi Delcomar  “prima afferma che tali corse sono state assegnate ad un operatore che, ancora oggi, è assegnatario anche di significativi contributi regionali per svolgere il servizio di traghettamento notturno” salvo poi affermare che “l’affidamento del servizio pubblico notturno di collegamento marittimo con le Isole minori,  per come il bando è strutturato, pone la società già affidataria del collegamento notturno sovvenzionato  in una posizione di irraggiungibile vantaggio”. È chiaro, proseguono i marittimi Delcomar che la “EneRmar  trova iniquo che la Delcomar svolga anche  un servizio in regime di libero mercato perché gode già di pubbliche sovvenzioni per l’esercizio del collegamento notturno. Altrettanto chiara è la volontà della stessa società” cioè della Enermar “di avere l’affidamento del servizio notturno pur già detenendo una quota di libero mercato di gran lunga maggiore, oltre il doppio, a quella detenuta dalla Delcomar ed arrivare, dunque, a detenere il 100% dei servizi residuali”. Per quanto concerne il bando pubblicato dalla Regione Sardegna, secondo i marittimi della Delcomar, al contrario di quanto sostiene Enermar “è stato strutturato ponendo proprio la soc. Enermar in posizione di vantaggio dato che ha navi di circa 50 anni e di conseguenza può proporre considerevoli ribassi in sede di gara non dovendo ammortizzare alcun costo di ammodernamento della flotta. Infatti, non è facile capire come sia stato possibile non considerare nel bando, quale elemento essenziale per la partecipazione, la vetustà del naviglio. Già nell’ultimo bando infatti, vinto dalla nostra compagnia, la RAS aveva imposto un limite massimo di età pari a 30 anni per le navi da utilizzare”. Solo la Delcomar, concludono i 40 maritttimi “ha avuto il coraggio di investire nell’acquisto di nuove unità navali con estremo sacrificio, affrontato, con coraggio, anche da noi dipendenti”.  (Venerdì 18 febbraio 2011)

Pubblicato da il 18 Febbraio 2011. Archiviato in Attualità. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0. Responses are currently closed, but you can trackback from your own site.