,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

La Maddalena. Mostra sui “Miracoli Eucaristici” ideata dal Beato Carlo Acutis. Il parroco invita tutti a visitarla, specialmente i giovani

Dal 17 ottobre al 23 novembre la chiesa di S. Maria Maddalena ospiterà la mostra internazionale sui “Miracoli Eucaristici”. Per motivi di spazio la mostra sarà disposta in due fasi: la prima dal 17 ottobre al 6 novembre presenterà i Miracoli Eucaristici avvenuti in Italia, la seconda dal 7 al 23 novembre i Miracoli avvenuti in altri paesi del mondo. Ideatore della mostra, che in questi anni ha attraversato i cinque continenti, è il giovane Carlo Acutis, morto nel 2006 a soli 15 anni per una leucemia fulminante. Carlo, ricorda don Andrea Domanski, “è stato beatificato lo scorso sabato 10 ottobre ad Assisi, luogo da lui amato e scelto per la sua sepoltura. La mostra presenta, con un’ampia rassegna fotografica e con descrizioni storiche, alcuni dei principali Miracoli Eucaristici (circa 136) verificatisi nel corso dei secoli in diversi Paesi del mondo e riconosciuti dalla Chiesa”. A La Maddalena saranno presenti 52 poster che raccontano 43 miracoli avvenuti in 12 paesi in un arco di tempo che va dal VI secolo fino al 2013 “e testimoniano la presenza reale di Gesù nell’Eucaristia”. Ogni pannello presente è frutto di ricerche, riflessioni e fotografie realizzate personalmente dal Beato Carlo. “L’Eucaristia è mia autostrada al cielo” è la frase che meglio esprime il suo rapporto con Gesù Eucaristico. La mostra potrà essere visitata tutti giorni dalle 7:30 alle 20:00 esclusi gli orari delle celebrazioni e dei momenti di preghiera comunitaria. Il parroco don Andrea Domanski invita tutti a visitare la mostra, in particolare “invitati speciali a quest’evento sono gli adolescenti e i giovani affinché riscoprano con gioia la fonte della forza del loro coetaneo”.

Pubblicato da il 15 Ottobre 2020. Archiviato in Attualità,News. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0.