,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

La Maddalena. Nell’ex Arsenale per rivendicare tutto l’incompiuto del G8 scippato

Sindaco e consiglieri comunali mentre varcano i cancelli dell’ax Arsenale, oggi struttura Mita.

La Maddalena. Nell’ex Arsenale per rivendicare tutto l’incompiuto del G8 scippato.

All’unanimità il Consiglio Comunale, riunito nell’ex Arsenale, chiede a gran voce al Governo le bonifiche , la realizzazione di tutte le opere collaterali all’evento G8; La proroga delle procedure straordinarie e l’esclusione dal Patto di Stabilità per le suddette realizzazioni, la ridiscussione del piano industriale della Mita. Istituisce inoltre una Commissione Speciale composta da tutte le rappresentanze consiliari che segua la vertenza.

Ha sudato freddo chi ha veramente a cuore non solo il futuro ma addirittura il presente di La Maddalena- e la massiccia presenza di tanti cittadini lo ha dimostrato – quando dopo tre ore di discussione, durante le quali si erano di molto avvicinate le posizioni di maggioranza e minoranze, si è rischiata la rottura ed un clamoroso fallimento della riunione di Consiglio Comunale aperto convocato nella struttura Mita, nell’ex Arsenale, epilogo quello che avrebbe avuto nconseguenze assai gravi. Invece alla fine il buon senso ha prevalso, aiutato da alcuni interventi di mediazione, e dopo una sospensione di una mezzoretta alle 15:05 il presidente del Consiglio Comunale Andrea Bargone ha letto il seguente documento votato all’unanimità:

“Il Consiglio Comunale, riunito in seduta straordinaria e aperta il giorno 6 novembre 2012, alle ore 10.00, presso l’Ex Arsenale:

interpretando il comune sentire dell’intera collettività in riferimento al grave ritardo in cui versa il progetto di riconversione turistica, economica e sociale dell’Arcipelago, per il quale sono state investite ingenti risorse pubbliche;

ravvisato lo stato di degrado e di semi-abbandono delle strutture che avrebbero dovuto interpretare un ruolo di primo piano del suddetto progetto di sviluppo;

constatato  che per l’ennesima volta il Governo, la Protezione Civile, la Regione Autonoma della Sardegna, la Mita Resort, il Ministero dell’Ambiente continuano a rimpallarsi le responsabilità in modo ormai non più comprensibile e assolutamente insopportabile, nonostante in presenza di progetti e risorse immediatamente disponibili finalizzate alla rimozione di tutti gli ostacoli, che consentirebbero il pieno utilizzo delle strutture per il fine a cui sono  state destinate;

dopo ampio e approfondito dibattito e preso atto dello stato di malessere della comunità isolana, il quale potrà cessare solo allorquando le promesse si tradurranno in fatti concreti

impegna

il Sindaco e la Giunta a richiedere con urgenza al Governo ed alla Regione Autonoma della Sardegna la immediata convocazione della Conferenza di Servizi presso il Ministero dell’Ambiente, per la presentazione e l’approvazione del progetto di bonifica dello specchio acqueo antistante l’Ex Arsenale, al fine di esperire nei tempi più brevi possibili l’esecuzione della stessa

impegna

altresì, il Sindaco e la Giunta a richiedere con urgenza al Governo, la Regione Autonoma della Sardegna ed alla Mita Resort ad attivare immediatamente tutte le procedure e gli interventi atti ad assicurare manutenzioni straordinarie ed ordinarie per il ripristino funzionale di tutte le strutture danneggiate dal tempo e dall’incuria;

impegna

ancora, il Sindaco e la Giunta a richiedere con urgenza al Governo, ed alla Regione Autonoma della Sardegna di promuovere un’analisi concordata con il Comune di La Maddalena di un nuovo piano industriale  di investimenti che ponga in risalto le peculiarità della nostra comunità, soprattutto in relazione alla ormai insostenibile situazione economica ed occupazionale.

In ottemperanza a quanto sopra esposto, il Consiglio Comunale

C H I E D E

al Governo Nazionale e Regionale:

la proroga, a partire dal 31.12.2012 delle Gestioni commissariali nonché di adottare tutti quegli strumenti normativi e contabili, urgenti e speciali, che consentano la realizzazione di tutte le opere collaterali all’evento G8;

L’esclusione delle suddette somme dal Patto di Stabilità a cui devono sottostare gli Enti Locali, compresa la Regione Autonoma della Sardegna.

DA’ MANDATO

Al Sindaco di istituire una Commissione Speciale composta da tutte le rappresentanze consiliari, cui demandare, per tutta la durata della vertenza, l’approfondimento, lo studio e l’audizione delle categorie produttive, in modo tale da fornire supporto e consulto alla Giunta ed al Sindaco nell’affrontare la problematica in parola”.

Pubblicato da il 6 Novembre 2012. Archiviato in News. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0.