,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

La Maddalena. Povertà: E se non ci fossero le Caritas?

 

La Casa-Alloggio della Caritas di via Barone Manno

La Maddalena. Povertà: E se non ci fossero le Caritas?

Sono circa 500 le persone che assiste, sia per quanto riguarda il cibo che per quanti riguarda il vestiario, la Caritas di Santa Maria Maddalena, che ha sede in via Tommaso Zonza. Di queste circa 100 sono persone maddalenine e circa 400 le persone straniere, comunitarie e non. Dal canto suo la Caritas di Moneta, con sede presso i locali parrocchiali, assiste con cibo e vestiario oltre 250 persone, più o meno la metà di queste isolane e la metà straniere. Alle due Caritas c’è da aggiungere l’assistenza prestata dalla Dame della Carità e quella, piuttosto intensa, dell’Istituto San Vincenzo con suor Letizia Marras. Una legione! Numeri che potrebbero arrivare, sommati, a 1.000 persone, se in molti casi non si trattasse di poveri contati due o tre volte, che si fanno, è il caso di dire, il giro della sette (nel caso maddalenino sono tre) chiese … Ma anche facendo questa giusta considerazione il loro numero è tristemente considerevole se ad essi si aggiungono coloro che soffrono in silenzio, senza chiedere aiuto a nessuno. Realisticamente si può dunque dire che ben oltre il 5% della popolazione sia in stato di povertà. Cosa succederebbe se non ci fosse questa forte presenza ed impegno del volontariato non è dato saperlo, forse si andrebbe incontro a disordini sociali, ad assedi agli uffici comunali di assistenza, alla rincorsa degli amministratori … Alcune settimane fa si è svolto nella Biblioteca di Piazzetta Amsicora un corso formativo per tutti gli operatori della Carità, tenuto da mons. Giovanni Pittorru, parroco di Castelsardo, assistente della Caritas Diocesana. Tra le altre cose ha detto: Noi dobbiamo chiede scusa ai poveri della carità che gli facciamo! Una frase tanto ad effetto quanto profonda, che incita tutti a fare di più ed oltre, anche per rimuovere le cause della povertà e del disagio, iniziando  – ma non solo – dalle politica e dalle istituzioni. 

Claudio Ronchi

 (Lunedì 30 luglio 2012)

Pubblicato da il 30 Luglio 2012. Archiviato in News. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0.