,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

La Maddalena. Rifondazione Comunista ed i Giovani Comunisti contro i criteri della Comunità del Parco

La Maddalena. Rifondazione Comunista ed i Giovani Comunisti contro i criteri della Comunità del Parco.

Il Partito della Rifondazione Comunista ed i Giovani Comunisti di La Maddalena, lunedì 24 gennaio erano presenti ad Olbia alla manifestazione organizzata dall’USB Sardegna, in occasione dell’incontro tra il Presidente della Regione Cappellacci ed il Ministro del Lavoro Sacconi. “Riteniamo fondamentale essere sempre presenti al fianco di disoccupati e precari, per sostenerli nella loro lotta, che è anche la nostra lotta”, scrivono in un comunicato stampa.  Per quanto riguarda La Maddalena ed il Parco esprimono “netta ripugnanza nei confronti del potere centrale che, mediante la subalternità delle amministrazioni provinciali e regionali, esprime la presidenza della comunità del  Parco: un rifiuto radicale a quella che definiamo una vera e propria usurpazione di territorialità da parte di uno dei peggiori ‘governatori d’Italia’, che con questa comunità – ne siamo fermamente convinti – non ha niente a che fare!”. L’attribuzione degli incarichi Rifondazione Comunista ed i Giovani Comunisti di La Maddalena la definiscono “una lottizzazione di politici di centro–destra stagionati (e per certi versi scaduti ed elettoralmente bocciati) organici a colui che ha autoritariamente spostato l’evento G8 in un territorio, come quello Aquilano, che di tale evento mondiale non aveva affatto bisogno. All’opposto, immaginiamo una comunità del parco rappresentata dai lavoratori del mare, da giovani studenti universitari maddalenini messi in condizione di declinare i loro saperi nel concreto comunitario: una rappresentanza e gestione sociale dal basso! Tutto questo lo esprimiamo pubblicamente – scrivono Rifondazione e i Giovani Comunisti – nella speranza (minima, ma mai spenta) che questa comunità rialzi la testa, riappropriandosi – come avviene diffusamente di questa disadattata nazione –  delle forme di opposizione intensa e continuativa contro l’ipotesi che Arcore diventi il capoluogo di provincia della Regione Sardegna”.

(Martedì 25 gennaio 2011)

Pubblicato da il 25 Gennaio 2011. Archiviato in Attualità. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0. Responses are currently closed, but you can trackback from your own site.