,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

La Maddalena. Stefano Cossu, candidato con Montella: “Sono deluso e non mi sento più parte di questo progetto politico”

Dopo Monia Doneddu è la volta di Stefano Cossu, bancario, anche lui candidato con la lista Montella alle elezioni comunali del maggio 2015, che prende le distanze. “Purtroppo, e lo dico con rammarico poiché avevo creduto e partecipato a questo progetto politico, i risultati non sono stati raggiunti. Avevo collaborato alla stesura del programma elettorale con il giusto entusiasmo di un giovane che si approcciava per la prima volta alla vita politica e constatare che questo ‘patto con i cittadini’ sia stato completamene disatteso è stata una grande delusione”. Per Stefano Cossu le battaglie sulla sanità, “non sono state portate avanti con la dovuta fermezza. Dalla grande manifestazione in piazza, la Città ha dovuto aspettare ben cinque mesi prima di vedere una successiva azione politica; i rapporti con i Presidenti dell’Ente Parco sono stati né più né meno glaciali rispetto alla precedente amministrazione che in passato abbiamo tanto criticato anzi, si è pensato di scomodare il Presidente della Repubblica con un ricorso contro la nomina nel neo-Presidente come se fossero queste le priorità del paese”. Durante la campagna elettorale – ricorda Stefano Cossu, si era parlato di Travel Lift, di rilancio della nautica da diporto e navi da crociera “ma ad oggi ci sono oggettive difficoltà anche solo per mettere una barca a terra. Non c’è dubbio che il cambiamento epocale promesso non ci sia stato e che ci sia occupati di normale amministrazione enfatizzata nei vari post sui social come risultati eccezionali”. Stefano Cossu conclude la lettera affermando di non sentirsi più parte di quel progetto politico. “Sia chiaro che la mia posizione non ha niente a che fare con il mancato coinvolgimento promesso ai candidati non eletti, semplicemente non è questa la mia visione di rilancio del paese. Una Città non si cambia solo con aiuole e rotatorie”.

Pubblicato da il 28 Marzo 2019. Archiviato in Attualità. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0.