,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

La Maddalena. Tersicore balla oggi contraddanze e reel scozzesi come ai tempi di Nelson

La Maddalena. Tersicore balla oggi contraddanze e reel scozzesi come ai tempi di Nelson.

Tanta allegria al saggio di fine anno scolastico dell’Associazione Culturale Tersicore – Danze e Tradizioni. Quell’allegria che solo le risate dei bambini sanno diffondere e contagiare. Voci argentine che accompagnano e si associano alle coreografie di reel e contraddanze scozzesi. Calzoncini e gonnelle a quadri bianchi e rossi, che fluttuano giocosi al ritmo di musiche di tempi oramai lontani. Gilet e camicette colorati che si muovono ora armoniosi, ora spontaneamente disordinati, attraverso la grande Sala Polifunzionale degli ex Magazzini Ilva, che domenica 16 giugno ha ospitato il saggio di fine anno scolastico di Tersicore. Una festa per gli occhi, una gioia per il cuore di tutti quanti, danzatori, ospiti, semplici curiosi, che si sono affacciati alla sala, attratti dalle musiche che andavano diffondendosi nell’aria pomeridiana, e cimentati in qualche caso nelle danze di volta in volta proposte. La presenza di tanti giovani danzatori ha permesso di arricchire ulteriormente il già vasto repertorio con danze, come i reel e le contraddanze scozzesi. Spesso si associa Tersicore esclusivamente a danze più ‘classiche’, come valzer, polke, mazurke, quadriglie, dimenticando invece l’affiliazione di Società di Danza alla Royal Scottish Country Dance Society di Edinburgo. Siffatte danze rappresentano oltretutto un capitolo non trascurabile della storia e della cultura della nostra stessa isola. Nulla vieta di pensare infatti che, sebbene l’ammiraglio inglese Horatio Nelson, nelle numerose soste della sua flotta nelle acque di La Maddalena, non sia mai sceso a terra, i membri degli equipaggi, al contrario, sbarcassero nella nostra isola e che (perché no!?), danzassero insieme agli isolani al ritmo di contraddanze e reel scozzesi, che dopotutto rappresentavano i balli di gruppo dell’epoca! Margherita Scarpaci

Pubblicato da il 16 Agosto 2013. Archiviato in Attualità. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0.