,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

La Maddalena. Toponomastica maschilista oltre che carente

(di Claudio Ronchi) – Oltre che carente la toponomastica maddalenina è anche piuttosto maschilista. Se si fa eccezione per le vie, Eleonora d’Arborea, Anita Garibaldi, Suor Gottelad e Regina Margherita (e forse qualche altra, forse), tutto il resto è di chiaro segno maschile. “Spero di riuscire entro l’anno a sistemare la toponomastica”, ha detto il presidente della apposita commissione, Gianni Nieddu, lo scorso 29 aprile, durante i lavori del consiglio comunale, “e comunque di farlo entro la fine del nostro mandato amministrativo”.

Un lavoro sicuramente impegnativo considerato che tempo fa aveva dichiarato essere 169 le vie e le piazze che attendono una denominazione o una migliore denominazione, a volte incerta. L’occasione dunque è più che favorevole per dedicare una via o una piazza alle tante donne che nella storia isolana hanno rappresentato esempi e punti di riferimento importanti, nel campo della educazione, del sociale, della carità e assistenza, della pubblica amministrazione, della politica e vita amministrativa, e perché no, nel ruolo di moglie e di madre.

Pubblicato da il 3 Maggio 2019. Archiviato in Attualità,News. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0.