,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

La Maddalena. Tre arresti per l’inchiesta su fatture false e sponsorizzazioni

 

Il comandante del Gruppo Olbia della Guardia di Finanza maggiore Cesare Antuofermo

La Maddalena. Tre arresti per l’inchiesta su fatture false e sponsorizzazioni.

 Comunicato stampa del Comando Provinciale di Sassari della Guardia di Finanza.

I finanzieri del Gruppo di Olbia e della Tenenza di Palau stanno dando esecuzione a tre Ordinanze di custodia cautelare (agli arresti domiciliari) nei confronti di altrettanti soggetti di La Maddalena coinvolti in un vasto giro di fatture false scoperto in Gallura.  Le Ordinanze sono state emesse dal GIP presso il Tribunale di Tempio Pausania su richiesta della Procura tempiese. L’intera indagine vede il coinvolgimento di 18 soggetti economici (persone, società sportive dilettantistiche ed ONLUS) con sede nell’isola de La Maddalena, nelle Province del nord della Sardegna ed anche nel resto dell’isola. I reati accertati sono quelli di associazione a delinquere finalizzata all’emissione ed utilizzo di fatture per operazioni inesistenti e presentazione di dichiarazioni fraudolente ai fini fiscali. Nel periodo tra il 2004 ed il 2010 diverse Onlus ed Associazioni Sportive Dilettantistiche sarde sono state create ed utilizzate al fine di emettere false fatture per “sponsorizzazioni” che consentivano agli imprenditori arrestati di creare costi fittizi per le proprie aziende al fine di abbattere il proprio reddito e, conseguentemente, diminuire le imposte da versare. Tra le ONLUS si annovera anche il singolare “Sci club Saint Tropez” con sede in La Maddalena. Uno dei 3 arrestati è anche indagato per diversi casi di “truffa ai danni di Enti Pubblici” (nel caso di specie la Provincia di Olbia-Tempio) per aver indebitamente ottenuto vari finanziamenti pubblici mediante artifizi e raggiri.

(Martedì 15 novembre 2011)

Pubblicato da il 15 Novembre 2011. Archiviato in News. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0.