,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

La Maddalena. Un po’ di pulizie in attesa che Maddalena Ambiente entri appieno a regime

La Maddalena. Un po’ di pulizie in attesa che Maddalena Ambiente entri appieno a regime.

(di Claudio Ronchi) – “Maddalena Ambiente sta procedendo alla pulizia dei quartieri. Abbiamo fatto un intervento importante su Chiusedda-Cala Chiesa-Mongiardino, dove, terminata la parte degli asfalti di quel quartiere, siamo partiti con la pulizia, ridando dignità ad un quartiere dove il servizio di igiene urbana non si era mai visto. Ed è questo il risultato, il primo risultato, la prima  promessa mantenuta, quanto abbiamo detto che la società in house ci avrebba consentito di entrare in quartieri dove il servizio di igiene urbana non si vedeva”. È stato ancora l’assessore Gianluca Cataldi a parlare di Nettezza Urbana nell’ultimo consiglio comunale.

“E stiamo andando oltre, perché Maddalena Ambiente avrebbe dovuto fare soltanto lo sfalcio del bordo strada invece stiamo facendo anche la pulizia dei marciapiedi e in molte zone stiamo entrando addirittura uno o 2 metri dentro la vegetazione per fare, non soltanto pulizia dei rifiuti, ma anche della vegetazione. Questo ci serve per rallentare la ricrescita e impedire nuovamente, ai pedoni, il passaggio sui marciapiedi”. Cataldi ha precisato che quando è stato  iniziato il lavoro su Chiusedda e su Cala Chiesa, “i marciapiedi erano praticamente inutilizzabili perché c’era la vegetazione alta qualche metro”.

La risoluzione del problema dei rifiuti, ha concluso l’assessore, “presuppone che la messa a regime totale di Maddalena Ambiente abbia, in via strutturale, risolto il problema dei rifiuti alla Maddalena, cosa che, ciclicamente, avranno tutti gli altri comuni, che dovranno fare le gare d’appalto nella speranza che l’impresa che lo vincerà faccia il maggior numero di servizi possibile”.

 

Pubblicato da il 23 Ottobre 2019. Archiviato in Attualità,News. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0.