,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

La Maddalena. Un’estate contraddittoria comunque non male

(di Claudio Ronchi) – Secondo i dati forniti dalla Delcomar, la compagnia di navigazione maddalenina che collega per tutto l’anno La Maddalena con l’isola madre, nel trimestre estivo (giugno, luglio, agosto) c’è stata una flessione del traffico dell’8%. Un dato negativo sicuramente ma ben lontano da quelle che erano state le previsioni della primavera scorsa sull’afflusso in Sardegna, che veniva dato in diminuzione del 20%.

Una flessione seppur limitata significa comunque che meno turisti, con pernottamento o giornalieri, sono giunti quest’estate a La Maddalena. E se da un lato c’è stato il ristoratore Adriano Greco, consigliere comunale di minoranza, che si era dichiarato soddisfatto per l’andamento della stagione dall’altro c’è invece chi, dello stesso settore, lamenta qualche flessione, sia in termini di quantità di coperti (quest’anno oltretutto sono state aperte nuove attività) che in termini di capacità di spedita e quindi di consumo da parte dei turisti. Allo stesso modo per i bar dove c’è chi ha lavorato di più e bene e chi di meno. Se per gelaterie e negozi stagionali di oggettistiche e souvenir vari non paiono le cose essere andate tanto male, con qualche malumore, ma anche qui i giudizi sono piuttosto articolati e diversi, appaiono le attività più squisitamente commerciali, dai negozi di abbigliamento e simili a quelli di scarpe a quelli sportivi eccetera. Flessioni poi si sono registrate sulle navette che trasportano i turisti nelle isole dell’arcipelago, dove una innegabile ripresa di agosto non ha compensato ciò che rispetto allo scorso anno è stato perduto nei mesi di giugno e di luglio. Più o meno la stessa tendenza si ritrova nel campo dei noleggi di motorini e biciclette (anche se apparentemente è sembrata notevole la mole di lavoro), come per quel che riguarda i gommoni.

In quanto ai pernottamenti, avendo La Maddalena un limitato numero di alberghi va da sé che nei mesi di punta si raggiunga più facilmente il tutto esaurito o quasi. Diverso invece è per quel che riguarda le altre strutture turistiche, dai B&B agli affittacamere alle case vacanza. In questo campo spesso un’attività stagionale soddisfacente è derivata dalla pubblicizzazione della struttura stessa e dai prezzi praticati.

Pubblicato da il 16 Settembre 2019. Archiviato in Attualità,News. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0.