,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Luogosanto. All’incontro di Coldiretti con assessore regionale all’agricoltura Caria si è parlato di lingua blu, vaccini, siccità, contributi.

C’era anche il sindaco di Luogosanto, Agostino Pirredda, comune nel quale l’allevamento e l’agricoltura oltre che al turismo rappresentano una delle voci significative dell’economia, all’incontro del 19 settembre scorso a Sant’Antonio di Gallura, organizzato dalla Coldiretti Nord Sardegna che ha visto la presenza dell’assessore regionale all’Agricoltura, Pier Luigi Caria, del presidente della Coldiretti Nord Sardegna, Battista Cualbu, del presidente della Coldiretti Gallura, Gian Battista Manduco, del direttore della Coldiretti Nord Sardegna, Ermanno Mazzetti; del sindaco di Sant’Antonio di Gallura, Carlo Duilio Viti, dell’assessore all’Agricoltura e Attività Produttive del comune di Arzachena, Stefania Filigheddu.

Il problema della lingua blu, che ha colpito duramente il settore del bovino da carne, è stato uno dei temi affrontati e l’assessore Caria è stato sollecitato, dal presidente Cuabu, affinché la Regione “trovi al più presto una soluzione che garantisca le vaccinazioni  così da consentire agli allevatori di vendere il bestiame verso il continente”.

La Giunta si è impegnata, ha ricordato Battista Cualbu , “a reperire 20 milioni di euro da destinare a tutti gli altri segmenti del mondo agricolo. Rimaniamo in attesa di conoscere le modalità di spesa e le tutele che saranno riservate a questo settore”. Oltre al discorso siccità all’assessore Caria è stata evidenziata la necessità di estendere il premio del benessere animale anche alle vacche nutrici così da renderlo strutturale all’interno della programmazione del Psr 2014-2020. Coldiretti Nord Sardegna creerà un tavolo tecnico dedicato solo al bovino da carne.

Pubblicato da il 21 Settembre 2017. Archiviato in Brevi. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0.