,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Luogosanto. Valorizzare la Luogosanto-Arzachena

Il consigliere provinciale di Luogosanto Maario Scampuddu in una foto di quando era sindaco del paese

Luogosanto. Valorizzare la Luogosanto-Arzachena.

La strada provinciale che collega Arzachena a Luogosanto è stata oggetto di confronti, martedì scorso, nella sala comunale di Luogosanto fra gli assessori provinciali Giò Martino Loddo  e Giuseppe Baffigo, il consigliere Mario Scampuddu  e i sindaci di Arzachena, Luogosanto e Sant’Antonio. Si è parlato di un progetto per qualificare al meglio questa strada particolarmente bella e rappresentativa del paesaggio e della storia della Gallura. Dalla strada si accede, infatti, ai molti siti archeologici (Necropoli li Muri-Complesso Nuragico la Prisgiona-Tombe di giganti Coddu Vecchiu-li Lolghi), ad alcune chiese campestri, ai castelli medioevali di Balaiana e Baldu e all’Eremo dei Santi Nicola e Trano. “Un progetto che ha nelle sue linee generali due aspetti: il miglioramento dell’assetto viario e una strategia innovativa di informazione”, ha spiegato Giuseppe Baffigo, “ in coerenza con l’esigenza sempre più sentita dal turista/viaggiatore di una comunicazione approfondita e puntuale del territorio”. Per Antonio Scampuddu, sindaco di Luogosanto,  “questa strada ha tutte le potenzialità per diventare l’esempio del collegamento virtuoso fra la costa e l’entroterra, oltre a rappresentare una possibilità di sviluppo comune e di valorizzazione originale dell’agro”. D’accordo sul progetto sia Angelino Pittorru  sia  Piero Filigheddu, sindaco di Arzachena, che considera questa strada “particolarmente interessante, perché si presta ad essere transitata , grazie al suo leggero saliscendi e alla sua bellezza, anche da parte dei ciclisti sempre più numerosi nel comune di Arzachena e per i camminatori”.  

(Lunedì 18 aprile 2011)

Pubblicato da il 18 Aprile 2011. Archiviato in Attualità. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0. Responses are currently closed, but you can trackback from your own site.