,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Olbia. Crisi di Meridiana Fly e Regione

Olbia. Crisi di Meridiana Fly e Regione.

Comunicato stampa del segretario regionale della Cisl Giovanni Matta.

Sono sempre i lavoratori a pagare il prezzo più alto degli errori del management e delle crisi di mercato. Una nuova conferma in tal senso viene dall’amministratore delegato di Meridiana che, nel tentativo di rimettere in sesto i conti dell’azienda, annuncia 800 licenziamenti tra il personale e il dimezzamento della flotta. Una “mattanza lavorativa” che la Regione non deve consentire. La Sardegna non può perdere un solo posto di lavoro in nessun settore e in nessuna impresa, soprattutto in un comparto strategico per l’economia isolana come quello dei trasporti. A tal fine la Cisl metterà in atto tutte le iniziative opportune per convincere Meridiana che il recupero di produttività e l’economicità gestionale non passano necessariamente attraverso tagli agli organici. Ma questa vertenza, come molte altre aperte in questo momento in Sardegna, richiede un ruolo incisivo della Regione, chiamata a vigilare, ai sensi dell’accordo del 20 giugno scorso con Meridiana Fly e Sindacati, sulla “consenquenzialità degli impegni presi per la continuità e le garanzie dell’occupazione”. Da come si evolve la vicenda Meridiana si deve arguire che quest’opera di vigilanza è stata ignorata dalla Regione. La disponibilità del sindacato alla trattativa punta al consolidamento e non allo smantellamento di Meridiana, anche se l’a.d. Giuseppe Gentile deve spiegare alle OO.SS. le ragioni per cui – in vista di un possibile futuro accorpamento di Meridiana con Air Italy, azienda di cui  dr. Gentile è presidente – tutti i tagli del personale riguardano esclusivamente i lavoratori sardi. Anche per fugare dubbi e sospetti la Regione deve convocare urgentemente un tavolo di confronto tra Presidenza della Giunta, Sindacati e Meridiana Fly. (Martedì 15 novembre 2011)

Pubblicato da il 15 Novembre 2011. Archiviato in Attualità. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0.