,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Palau. Alessandro Azara, un concerto spettacolare ed emozionante

Palau. Alessandro Azara, un concerto spettacolare ed
emozionante

(di Marilena Bruschi) – Un concerto spettacolare quello che Alessandro Azara ha offerto al suo pubblico palaese. Ha suonato e cantato con straordinario talento ed efficacia affidando al linguaggio della musica temi come la tolleranza, la solidarietà, la difesa dell’ambiente e il rispetto per le donne. Primo concerto live in Sardegna che ha proposto, insieme al suo gruppo, un “Silent concert” nel pieno rispetto dell’ambiente perché riduce al minimo l’assorbimento energetico ma soprattutto per la qualità del suono, non più attraverso amplificatori ma attraverso cuffie WiFi che coinvolge lo spettatore come se fosse nell’intimità del salotto di casa. Durante lo spettacolo si respira un’atmosfera speciale, il buio della sala è rotto dal blu delle cuffie acustiche che fanno sembrare tutti un po’ marziani.  Inizia con una voce femminile in lontananza che racconta di un mare lontano, di una porta che si apre, poi la voce di Alessandro, prima calda e pacata poi sempre più forte e incalzante, che canta “Bruceremo…senza paura, in una lacrima”. Si muove come un automa sul palco, trascinato dalla musica, dal vibrare delle corde della sua chitarra e tutti sono affascinati quando canta di “donne fragili e sensibili” e poi con voce travolgente “sei la mia vertigine”. La musica dà spazio a momenti più intimi e raccolti quando ricorda quella “notte che ho parlato alle stelle… e ho truccato le carte” e descrive questo nostro mondo con “uomini strani, senza rimedio, senza una idea…siamo nell’alta marea”. Nel testo di questo primo lavoro “Non eri qui”, nato in una notte d’estate di due anni fa proprio a Palau, Alessandro confessa “erano anni che cercavo la mia identità” ma ora Alessandro sa chi è dal calore del pubblico che lo ha incoraggiato a proseguire in questo percorso artistico e culturale.

Pubblicato da il 28 Febbraio 2020. Archiviato in Attualità,Cultura,News,Spettacolo. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0.