,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Palau. Ancora pochi turisti e poche barche in quest’estate particolare e … da ricordare

(di Marilena Bruschi) – L’estate è arrivata, il trenino verde ha fatto la sua prima corsa di prova e le spiagge si stanno riempiendo…di palaesi. I turisti? Sì, qualcosa si vede, ma sono soprattutto i proprietari delle seconde case che scappano dalle grandi città per rimane nel confort delle loro abitazioni. Inoltre per tanti rimanere in Sardegna vuol dire fare vacanza e lavoro insieme poiché, per recuperare le ferie forzate dopo la lunga quarantena, possono continuare le attività attraverso il computer. Pochi i turisti negli alberghi e poco anche nei camping, mentre quasi tutte le attività commerciali hanno riaperto.  Rimangono ancora serrande chiuse di ristoranti che tardano ad adeguarsi alle nuove norme, così come i negozi di frutta e verdura e di artigianato. Un’ estate strana, sicuramente da ricordare. Anche nelle coste e nel porto poche barche, e molte calette sono deserte. Questa domenica di fine giugno si sono viste alcune barche imponenti ormeggiate davanti La Sciumara ed una splendida barca a vela che, lentamente, si pavoneggiava nelle onde.  Secondo i dati delle Agenzie turistiche e del Codacons in cima alle preferenze degli italiani per le vacanze estive 2020 c’è la Puglia, scelta dal 28% dei turisti, seguita dalla Sicilia (24%) e dalla Sardegna (18%). Le motivazioni sono da imputare a vari fattori come la paura del contagio da arrivi di persone dalle zone rosse, ferie già consumate durante il lockdown, per altri le difficoltà economiche e la difficoltà di arrivare in Sardegna per la chiusura di alcuni aeroporti come Linate.

Pubblicato da il 1 Luglio 2020. Archiviato in Attualità,News. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0.