,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Palau. Manna respinge al mittente le critiche; “Fresi ha preso coscienza che qualcosa dentro il suo gruppo non funziona”

(di Claudio Ronchi) “Comprendiamo benissimo il rammarico del consigliere Fresi, ma forse è giunto il momento che il gruppo di minoranza faccia autoanalisi. Quello che infatti Fresi definisce muro contro muro è in realtà un unico muro: quello alzato dalla minoranza già tre giorni dopo l’insediamento della nostra amministrazione”.  Respinge al mittente, il sindaco Franco Manna, le critiche mosse a lui e alla sua amministrazione dal consigliere di minoranza, Robertino Fresi, pubblicate qualche giorno fa. Anzi, afferma che a suo tempo furono fatte “proposte di collaborazione” non accettate, “a partire dalla vicepresidenza delle commissioni tematiche nate proprio per aprire un confronto, sui problemi di Palau, tra i gruppi politici e, fatto importante, i rappresentanti dei cittadini”. Un atteggiamento di “chiusura totale”, prosegue il sindaco, “a cui sono seguiti esposti, denunce, pesanti e offensive dichiarazioni: l’ultima quella del consigliere Codina nel recente consiglio comunale”. Manna contesta poi che durante questo mandato amministrativo, proprio la minoranza “non ha mai aperto discussioni in seno al consiglio in modo tale da poter dare risposte: parola d’ordine ‘voto contrario con dichiarazione di voto’: e tutti sanno che alla dichiarazione di voto non può seguire contraddittorio”. Per Manna dunque, “i monologhi sono prerogativa dell’opposizione”. Riguardo poi al rimprovero, da parte del consigliere di minoranza, del fatto che a rispondere, durante i lavori consiliari, non siano mai gli assessori tecnici, Franco Manna risponde che a farlo sia “il presidente del consiglio e non il sindaco”. Fin qui le risposte alle affermazioni di Fresi contenute nell’intervista citata. Poi Manna passa all’attacco entrando nelle dinamiche interne della minoranza: “È evidente che Fresi ha preso coscienza che qualcosa dentro il suo gruppo non funziona, che l’atteggiamento ostativo della minoranza verso sindaco, giunta e gruppo consiliare, nasconde in realtà pregiudizi personali e non politici”. Nell’ultimo consiglio comunale “e solo in assenza della capogruppo di minoranza, guarda caso, Fresi per la prima volta ha parlato di collaborazione a cui però non sono seguiti fatti concreti”.

Pubblicato da il 6 Giugno 2020. Archiviato in Attualità,News. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0.