,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Parte la revisione del Piano del Centro Storico di Mino Mini

Presentazione PPCSA distanza di alcuni lustri è iniziata, con la stipula, il 18 novembre, della convenzione tra Comune di La Maddalena e lo studio dell’ing. Francesco Bosincu, per la revisione del Piano Particolareggiato del Centro Storico, tuttora in vigore, a suo tempo redatto dall’ arch. Mino Mini. Dalla sua approvazione, da parte del Consiglio Comunale, non solo sono state rilevate lacune e scelte discutibili ma sono cambiate anche le esigenze della comunità come anche le normative nazionali e regionali.

Una delle linee guida impartite dall’assessore all’Urbanistica, Mauro Bittu, al progettista, è quella di favorire il ripopolamento del centro storico, favorendo la rivitalizzazione anche attraverso l’apertura di nuove attività commerciali.

Oltre 1 milione di metri cubi di centro storico rappresenta un valore enorme, ha detto l’ing. Bosincu; il settore commerciale è trainante nell’economia della città e di questo bisogna tenerne conto. Dunque attenzione, nel nuovo strumento, ai piani terra, mentre non ci sarà molto da aspettarsi per le sopraelevazioni che sono viste, ha detto il tecnico, come un delitto urbanistico. Attenzione particolare poi per le 103 vie del centro storico e in particolare a quelle dotate di basolato, forse unico in Sardegna. E lotta ai condizionatori esterni.

Alla presentazione, oltre all’assessore Bittu, era presente l’ing. Bosincu e gli ingegneri Cossu e Rabastini dell’Ufficio Tecnico del Comune. Sarà creata, hanno promesso questi ultimi, una piattaforma web, attraverso la quale tecnici e cittadini potranno interagire con gli estensori del Piano.

L’assessore Mauro Bittu conta di portare il PPCS all’approvazione del Consiglio Comunale entro la primavera prossima. Claudio Ronchi

Pubblicato da il 19 Novembre 2014. Archiviato in Attualità,News. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0.