,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Quei cinghiali stanno distruggendo tutto

Cinghiali wCon una lettera al presidente del Parco Nazionale Giuseppe Bonanno, un nutrito numero di cittadini di La Maddalena ritorna sul problema cinghiali, chiedendo se si pensa “di risolvere il peggiorato problema ‘cinghiale-maiale’ con qualche gabbia e qualche sporadico colpo di fucile? Vi accorgete o no che i bordi delle strade sono tutti scavati e rivoltati, segno del passaggio di tribù di animali, che ormai sono in numero superiore agli abitanti della nostra isola?”. Sapete bene – proseguono – che è sufficiente una scrofa incinta per popolare in breve tempo un vasto territorio, cosa evidentemente non valutata da chi le hanno introdotte sperando in una apertura di caccia. Viene segnalato poi che “oltre ai danni alle strade, alle spese per la disinfestazione, ai crolli dei muri di cinta erosi dagli scavi in cerca di radici (spese tutte a carico del solito cittadino ‘Pantalone’ che paga di tasca oltre alle tasse), resta il problema serissimo n° 1: Le zecche! Zecche ovunque, sui terreni, sulle spiagge, molti di noi direttamente in casa…”. Poi l’appello: “Combattete le pastoie burocratiche e trovate una soluzione indolore per gli animali, ma definitiva, rivolgendovi ad Enti preposti”. E “alle persone che danno da mangiare ai cinghiali date delle belle multe, deterrente efficace”, mentre a certi animalisti dicono che, “se ci daranno i loro nomi, cognomi ed indirizzo, saremo lietissimi di portare a casa loro le nostre zecche da amare come vorranno. Non ne possiamo più di pagare le conseguenze dei passaggi di questi grossi e pericolosi animali”. Claudio Ronchi

Pubblicato da il 5 Settembre 2014. Archiviato in Attualità. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0.