,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Sanità: Intervento del Gruppo Socio Politico Cristiano

Ospedale Olbia 3Il Gruppo Socio Politico Cristiano auspica, in una lettera, che l’Amministrazione Comunale chiede all’ASL il rispetto dell’accordo siglato un anno fa con il direttore generale Giovanni Antonio Fadda sulla piena funzionalità della Camera Iperbarica, un Pronto Soccorso adeguato alle norme connesse all’insularità, un reparto di Medicina funzionante, una Chirurgia operativa per piccoli interventi, la Pediatria, l’Ostetricia con annessa la Ginecologia, del tutto operative, la Dialisi non ridimensionata, la Radiologia con medici stanziali ed il Laboratorio di Analisi adeguatamente attrezzato.

“Se in Gallura la sanità è ormai carente di molti servizi essenziali, il nostro ospedale Paolo Merlo, prosegue il Gruppo Socio Politico Cristiano, “con il colpevole silenzio dell’Amministrazione Comunale, subisce il lento smantellamento di tutti i reparti sanitari.

Un Consiglio Comunale che, inoltre, pone, ormai da almeno un anno, nel suo Ordine del Giorno, l’esame della convenzione della RSA, edificata grazie a un finanziamento regionale e la cui discussione viene regolarmente rimandata, non merita alcuna fiducia da parte dei cittadini”, scrive sempre il Gruppo Socio Politico, che ritiene inopportuna, al Paolo Merlo “la spesa di un milione e mezzo di euro per un ipotetico ‘Risparmio energetico’, impiegando ditte non maddalenine” invece di “spendere tale somma per rendere più funzionale il Presidio Ospedaliero isolano, dotandolo di personale adeguatamente formato e di servizi essenziali”.

Il Gruppo Socio Politico Cristiano, dopo avere espresso inoltre preoccupazione per l’ipotesi di un accorpamento con l’ASL di Nuoro e per il ridimensionamento dell’Ospedale di Tempio, afferma che “svergognerà” chi, in dispregio alle norme specifiche che prevedono i servizi minimi per le isole minori, “contribuirà all’ulteriore smantellamento delle nostre strutture sanitarie”. Claudio Ronchi

Pubblicato da il 10 Novembre 2014. Archiviato in Attualità,News. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0.