,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Santa Teresa Gallura. Alcune delle iniziative della Consulta dei Comuni Turistici Sardi

(Redazione). Nei tempi difficili che si stanno affrontando, in particolare per quanto riguarda la Sardegna dal punto di vista turistico di conseguenza della pandemia ecco alcune delle iniziative che saranno intraprese dalla Consulta dei Comuni Turistici Sardi, svoltasi qualche giorno fa sebbene in video conferenza, a Santa Teresa, su iniziativa dell’assessora teresina Stefania Taras. Per sostenere i Comuni nella promozione della destinazione Sardegna, dei suoi patrimoni e delle sue eccellenze è stata presentata la campagna ‘SardegnAperta’ alla quale potranno aderire i Comuni della Consulta. Il progetto a costo zero per gli enti locali, prevede una campagna no profit in nove lingue, compreso il sardo, per diffondere sui vari canali digitali le tradizioni, la natura, la ricettività e la vocazione dei territori sardi come destinazione accogliente, sicura e ospitale. “Gli operatori turistici ed economici, enti e istituzioni possono inserire il loro logo nel materiale promozionale prodotto da SardegnAperta, gratuitamente – ha sottolineato alla Consulta Tiziana Tirelli, una delle promotrici dell’iniziativa – obbiettivo è quello di coinvolgere gli operatori e le istituzioni per condividere, anche integrando la loro comunicazione, un messaggio positivo per le vacanze in Sardegna”. Bisognerà puntare anche sugli info point turistici, uniti in rete. L’idea, partita dall’Ufficio del Turismo di Santa Teresa si propone “di creare inizialmente un data base degli uffici turistici per permettere una migliore formazione degli operatori dei front office orientandoli meglio sulle risorse dell’intera Sardegna – ha sottolineato Paola Sanna, responsabile dell’Ufficio Turismo di Santa Teresa – mettere in rete gli uffici turistici può essere importante per conoscere meglio le caratteristiche dei singoli territori, capire i servizi offerti ed essere più convincenti nei confronti dei turisti in un sistema di rete”, spiega Sanna. Sempre durante i lavori della consulta sono state analizzate le azioni dei singoli Comuni nella gestione del turismo locale, tra ingressi nelle spiagge, azioni di controllo e monitoraggio sui litorali, campagne di comunicazione locale per un turismo sostenibile e nel rispetto delle regole anti-Covid. 

Pubblicato da il 18 Giugno 2020. Archiviato in Attualità,News. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0.