,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Santa Teresa Gallura. Area Marina Protetta: occasioni di sviluppo da condividere con altre

(Redazione) – Che le aree marine protette della Sardegna possano giocare un ruolo decisivo per la tutela ambientale ma anche per la crescita economica dei territori se unite in rete, ne è convinto anche Augusto Navone, direttore dell’Area Marina Protetta Tavolara-Punta Coda Cavallo, per oltre un anno direttore del Parco Nazionale dell’Arcipelago di La Maddalena. Intervenendo al convegno organizzato dal comune teresino venerdì scorso, del quale si è già parlato ieri, ha affermato: “Crediamo in una strutturazione allargata delle aree marine protette. Dovremmo iniziare a ragionare su una grande riserva Mab-Unesco che vada dall’Asinara a Tavolara passando per Santa Teresa Gallura e non solo. È una strada percorribile oltre che un’ambizione che possiamo perseguire”. Dall’esperienza dell’Area marina di Tavolara, infatti, ha proseguito Navone, arriva l’esempio di come questi Enti possano offrire lavoro, generare un indotto economico legato alla gestione di progetti nazionali ed europei, creare nuove occasioni di turismo, anche di nicchia come quello subacqueo, e dare valore economico alla piccola pesca. “Le aree marine consentono agli Enti locali di appropriarsi della gestione integrata della fascia costiera – ha spiegato il direttore Navone – e lo fanno in modo funzionale a un turismo sano ed equilibrato da una regolamentazione di contorno. Per creare veramente nuove opportunità, però, devono saper cooperare e fare sistema”. 2-continua

Pubblicato da il 20 Settembre 2020. Archiviato in Attualità,News. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0.