,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Santa Teresa Gallura. Operazioni di disinquinamento sul mare e sulla costa gallurese

Santa Teresa Gallura. Operazioni di disinquinamento sul mare e sulla costa gallurese .

Dal Comunicato stampa della Capitaneria di Porto-Guardia Costiera di La Maddalena. Sono proseguite per tutta la giornata di ieri “le operazioni di verifica e disinquinamento in mare e sulla costa della macchia di idrocarburi avvistata due giorni orsono nelle acque del Compartimento Marittimo di La Maddalena nella zona compresa tra Punta Li Francesi e Capo Testa ricadenti nei Comuni costieri di Aglientu e Santa Teresa Gallura. La giornata ha avuto inizio alle ore 08.30 con una prima riunione operativa presso il porto di Santa Teresa Gallura”. Una successiva perlustrazione dettagliata della costa ha consentito di quantificare il prodotto inquinante spiaggiato. Alle ore 13 circa “si è proceduto ad una seconda riunione operativa ove sono stati dispiegati i volontari della Protezione Civile muniti di dispositivi di protezione individuale ed attrezzi per la raccolta del materiale spiaggiato. Contemporaneamente in mare hanno operato i mezzi specializzati nel recupero di materiale inquinante inviati dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare: rimorchiatore TIRRENO e battello disinquinante DOLPHIN della società Castalia Ecolmar, che, accertata l’assenza di materiale in superficie”, su disposizione del comandante del Compartimento Marittimo C.F. Fabio Poletto hanno proceduto “a pattugliare a corto e medio raggio tutta la costa interessata. Nel contempo personale della Guardia Costiera di La Maddalena a bordo della CP 870 perlustrava in dettaglio tutte le cale non raggiungibili da terra. Si è altresì proceduto ad una ricognizione aerea effettuata con il supporto del Nucleo Aereo Carabinieri di Olbia che non ha rilevato in superficie alcuna chiazza oleosa. Una cospicua quantità di materiale bituminoso aggregato in cumuli del diametro variabile dai 5 ai 30 centimetri è stata raccolta dai volontari che hanno proceduto ad una pulizia puntuale della costa rocciosa e sabbiosa. Dette operazione si protrarranno anche nelle prossime giornate fino al recupero totale del materiale spiaggiato, condizioni meteo permettendo. Militari della Guardia Costiera di questo Comando, coadiuvati da personale del Reparto Ambientale Marino del Comando Generale delle Capitanerie di Porto e della Direzione Marittima di Olbia, assieme ai tecnici dell’ARPAS e dell’ISPRA, hanno altresì proceduto a campionare lungo la costa il materiale piaggiato”. Il comunicato stampa conclude dicendo che “sono in corso gli accertamenti tesi a stabilire le responsabilità civili e penali per il danno ambientale prodottosi in questa costa di particolare pregio”. Giovedì 20 gennaio 2011

Pubblicato da il 20 Gennaio 2011. Archiviato in News. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0. Responses are currently closed, but you can trackback from your own site.