,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Tornerai? Tornerò … ciao Jonathan

(di Claudio Ronchi) – Ha 14 anni, Jonathan, è nato in primavera, a Pianosa, nell’arcipelago toscano. A 13 anni, nel 2019, è arrivato nell’arcipelago-parco di La Maddalena, andando a nidificare, insieme ad altri 22 gabbiani corsi, in un isolotto posto a tramontana dell’isola maggiore. Qui la colonia è aumenta di 13 piccoli, maschi e femmine, che, cresciuti e rinforzate le ali, dopo pochi mesi si sono involati senza fatica. Poi Jonathan, insieme a tutti gli altri gabbiani, ha rispiccato il volo, seguendo il loro istinto di vita errabonda. E sì, perché errante è, il nostro Jonathan! Quando anche lui aveva pochi mesi di vita, i ricercatori dell’Ispra, a Pianosa, gli misero un anello di riconoscimento sul tarso: quell’ accorgimento ha consentito di conoscere la sua vita, i suoi spostamenti, così come la racconta, con foto, il Parco Nazionale dell’Arcipelago di La Maddalena nella propria pagina facebook. Cresciuto sufficientemente ed irrobustite le ali anche lui, il giovanissimo Jonathan, nel 2007, da Pianosa volò via verso la Spagna, in Catalogna, “per poi essere osservato a fine novembre 2007”, racconta il Parco Nazionale, “su una spiaggia di Tan Tan, in Marocco, un bel posto sull’Oceano Atlantico. Il 2 giugno dell’anno successivo si è trasferito a Gaeta, dove ha visitato una colonia riproduttiva”. Poi Jonathan scompare – informa sempre il Parco Nazionale – per 7 lunghi anni, non si hanno tracce, nessuno l’ha visto. Ma riappare, improvvisamente, 5 anni fa, il 2 agosto del 2015, a Porto Salvo, in provincia di Latina, vicino Gaeta. “Nelle estati del 2016, 2017, 2018 lo vedono nell’Oasi dei Variconi, Comune di Castel Volturno, in provincia di Caserta. Ancora non molto lontano da Gaeta”. Poi, eccolo, nel 2019, nel Parco Nazionale di La Maddalena, a vivere una nuova, breve, fase della sua vita tra Sardegna e Corsica, tra le isole delle Bocche di Bonifacio, e a riprodursi, perpetuando la specie, quella del gabbiano corso, appunto. Ora, dal Parco Nazionale informano che sia volato via, abbia lasciato queste isole. Ritornerà? Chissà! A noi piace pensare di sì.

Pubblicato da il 18 Settembre 2020. Archiviato in Attualità,Cultura,News. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0.