,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Una delibera regionale per chi è inseguito da Equitalia

Una delibera regionale per chi è inseguito da Equitalia.

La Giunta Regionale interviene con una delibera per aiutare chi si trova in difficoltà con Equitalia.  “Per quanto riguarda gli interventi regionale immediati, la delibera prevede – ha spiegato il governatore della Sardegna Ugo Cappellacci  – la creazione di un fondo anti-crisi dedicato in pre-stato di crisi per un importo pari a 10 milioni di euro. Inoltre, dedicheremo una quota parte, pari a ulteriori 10 milioni di euro, del fondo per la povertà, dedicato a concedere contributi per gli obblighi di natura tributaria”.  Sarà inoltre introdotta una premialità specifica a favore dei contribuenti in difficoltà nella definizione degli interventi previsti dal fondo di garanzia etica.
E’ stata inoltre decisa l’istituzione, su base volontaristica e richiesta da parte degli Enti locali, di zone franche urbane, dove sarà possibile associare alla riduzione delle imposte comunali (Tarsu, Ici) una serie di strumenti regionali di abbattimento del costo del lavoro, di incentivazione degli investimenti e di servizi reali e finanziari per la gestione aziendale (fondo POIC programma straordinario per il lavoro). Cappellacci ha quindi annunciato che saranno istituiti tavoli provinciali a vantaggio delle imprese operanti nei territorio per assicurare un più semplice accesso al credito attraverso forme di garanzia diretta e di co-garanzia attraverso la SFIRS. “Vogliamo utilizzare – ha aggiunto il presidente – anche gli strumenti che offre la legge regionale 3 del 2009 (art. 2 comma 38) per il rilancio delle imprese e lo sviluppo locale con priorità per le aree più colpite dalla crisi industriale, mettendo a disposizione 10 milioni di euro”.  Sul piano nazionale, ha annunciato il presidente Cappellacci “la Regione chiede al Governo che vengano prese in esame tutte le richieste presentate dai manifestanti anti-equitalia e la sospensione delle norme ai sensi dell’art. 51, secondo comma dello Statuto e chiederà l’avvio immediato delle procedure per il riconoscimento della crisi da parte del Governo ai sensi dell’art.19bis del DPR 600/73 e anche il riconoscimento della aree in stato di crisi, ai sensi dell’articolo 2 della legge 99/2009. La delibera prevede anche l’istituzione di un tavolo di confronto con Equitalia ed Inps”. (Sabato 14 maggio 2011)

Pubblicato da il 14 Maggio 2011. Archiviato in Attualità. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0. Responses are currently closed, but you can trackback from your own site.